Inserisci USERNAME o E-MAIL

Esordi, Teoria e Pratica nella vendita

da / Pubblicato in Blog, Business

Per chi non è abituato, vendere può essere un compito davvero arduo e scoraggiante. Poi quando uno comincia a fare pratica e ad abbattere le prime barriere della titubanza comincia a diventare una cosa normale. Quando poi impari diventa anche divertente.

I miei esordi con la vendita

Il mio primissimo esordio con la vendita è stato quando andavo al parco e avevo 8 anni a vendere i giocattoli usati agli altri bambini. Già si vedeva l’animo commerciale!! C’era un periodo che usava così e non mi sembra di ricordare avessi nessuna controindicazione sulla vendita, anzi partivo con il mio zaino, andavo al parco con un mio amico e mettevamo i giocattoli che non usavamo più su un muretto del parco per la gioia dei bambini più piccoli (forse meno delle mamme!!)

A parte questo mio primo assaggio alla vendita che probabilmente non conta neanche come esordio, direi che poi non ho più venduto nulla a livello commerciale fino a quando non sono andato a Londra nel 2006. L’obiettivo era imparare bene l’inglese e per mantenermi ho dovuto cercarmi un lavoro. Non conoscendo bene l’inglese ancora mi sono ritrovato a fare delle campagne di telemarketing al telefono per il mercato italiano, settore IT (Information Technology) praticamente il ramo informatico delle aziende. Poi sono passato a fare le campagne in inglese e non vi dico…

Il mio scopo era telefonare e capire se in azienda c’era un’esigenza/progetto per cui le soluzioni della compagnia per cui lavoravo sarebbero state d’aiuto.

Mi ricordo ancora come titubavo prima di chiamare. La vendita al telefono non è per niente facile. Soprattutto facendo telefonate a gente che sta lavorando e non sta aspettando la tua chiamata. Il mio problema sostanzialmente era quello che non volevo disturbare. Avevo molte controintenzioni rispetto a quello che stavo facendo e non mi piaceva. Ovviamente i risultati rispecchiavano questo mio stato d’animo. Hanno anche provato a spiegarmi che in realtà stavo facendo un grosso servizio alla gente che chiamavo perchè molti di loro non era sempre aggiornati sui servizi tecnologici che esistevano e una mia chiamata avrebbe potuto illustrare loro una soluzione che non conoscevano ad un loro problema. Non ci avevo creduto fino in fondo anche se sbagliavo perchè effettivamente adesso che di aziende ne ho quattro, se qualcuno mi chiamasse con garbo per cercare di capire che esigenze abbiamo in azienda per offrirmi la sua assistenza lo ascolterei ben volentieri se può essermi utile.

In ogni caso dopo un po’, sarà stata un po’ di esperienza acquisita i miei risultati sono migliorati anche se poi inevitabilmente ho lasciato quel lavoro e da lì a poco avrei trovato la mia strada imprenditoriale, ma questo è un altro discorso.

I primi feedback sulla vendita

Anche se è stata dura, quell’esperienza mi è servita tantissimo sotto tanti punti di vista perchè ho imparato sul campo tante cose:
- Ho fatto pratica
- Ho capito uno degli approcci basilari alla vendita: mai proporre il tuo prodotto se prima non hai capito se la persona a cui stai parlando ha un’esigenza
- Ho eliminato la paura del rifiuto, bestia nera dei venditori alle prime armi

Teoria nella vendita

Pian piano ho cominciato a leggere e a studiare come si vende. Molte cose che ho letto mi sono servite, ma tante altre cose erano talmente lontane dalla realtà che alle volte veniva spontaneo domandarsi se lo scrittore avesse realmente mai venduto in vita sua. Sinceramente la teoria serve tanto, ma sono alla fine 10 o 20 le cose importanti da sapere.

Vedo in giro invece un sacco di venditori impostati e pompati che hanno talmente tanti concetti in testa sulla vendita che non ne mettono in pratica neanche uno. Per farci due risate Fabio Arcaro, il nostro esperto vendita ha girato un video-spot simpatico proprio su questo fatto :)

Vendere per aiutare

Quando devo vendere adesso lo faccio con piacere. Io il ghiaccio agli eschimesi non lo venderei, non so se sarei capace di farlo, forse sì o forse no, il punto è che non gli serve!!! :)
Io quando devo vendere sostanzialmente parlo alle persone, c’è una sequenza di cose da fare che Fabio Arcaro insegna benissimo al corso Il venditore di Fiducia, per entrare in confidenza con la persona con cui parli e farti dire veramente quali sono le sue necessità.

Alle volte sono io stesso che dico alle persone, no questo corso o questo prodotto non ti serve, non è nello spirito del buon venditore vendere tutto quello che si può al primo pirla che passa. Lo spirito è vendere quello che serve al cliente. Così sì che sarà un cliente soddisfatto, tornerà da te e parlerà bene di te.

E tu?

Hai voglia di condividere nella sezione dei commenti la tua esperienza di vendita? Dai non fare il timido! Per chi è iscritto al corso di vendita ci vediamo questo weekend, per gli altri, spero di leggere i vostri commenti e alla prima occasione risponderò!
Buone vendite a tutti!

Lascia un Commento

TOP