Inserisci USERNAME o E-MAIL

Padre Ricco Padre Povero

da / Pubblicato in Basi del Denaro, Blog

Padre Ricco Padre Povero, recensione

Tutto è partito da questo libro che ha cambiato molte vite, non solo la mia.
Padre Ricco Padre Povero è un libro di Robert Kiyosaky che parla delle differenze di mentalità tra le persone ricche e quelle povere. Fa questa distinzione netta non in modo dispregiativo, ma solo per differenziare due classi distinte di persone:
1) chi lavora per i soldi e
2) chi fa lavorare i soldi per sé.

C’è una differenza sostanziale infatti tra chi usa il suo tempo per guadagnare dei soldi oppure chi usa il proprio tempo per crearsi dei sistemi che generino poi entrate passive.

Chi lavora per soldi
Sono i lavoratori dipendenti e i lavoratori autonomi. Chi deve quindi lavorare per percepire uno stipendio o delle entrate.
Se non lavora non guadagna. Solitamente queste persone finanziariamente raggiungono risultati nella media perché per guadagnare hanno bisogno di tempo. Del tempo per completare il lavoro. Vengono pagati all’ora, al mese o all’anno. Quindi c’è sempre un limite a quanto possono guadagnare: il tempo lavorato.
Fanno tutto questo perché hanno bisogno della “sicurezza” di uno stipendio fisso” oppure di dover fare tutto loro perché funzioni.

Chi fa lavorare i soldi per sé
Sono gli imprenditori o gli investitori. Sono persone che, come detto, creano sistemi che poi funzionano da soli e generano entrate passive. Questo permette loro di non dover lavorare all’interno del sistema creato, ma hanno così il tempo di crearne altri. Idealmente una persona non ha limite sul numero di sistemi che si pu creare quindi non ha limiti neanche su quanto può guadagnare. Questa è la sostanziale differenza.
Questo tipo di persone sono quindi disposte a rinunciare alla “sicurezza” momentanea di un posto fisso per raggiungere obiettivi e risultati più grandi.

E tu cosa vuoi fare?
E’ una scelta, dipende da te ognuno ha diritto alle sue opinioni. Ma per farla devi avere le conoscenze adeguate per operare una scelta corretta.
Classe Quattro si occupa proprio di questo e anche qui troverai tante risorse di questo tipo.
Però Padre Ricco Padre Povero è un libro che dovrebbero leggere tutti a mio avviso.

8 Commenti to “Padre Ricco Padre Povero”

  1. Buon giorno,

    Robert Kiyosaki è l’unico autore-investitore,che dà informazioni su come non lavorare per altri.
    Il futuro è questo.

  2. Katty says : Rispondi

    Voglio condividere la mia esperienza personale: Ho letto “Padre ricco Padre povero” ormai qualche anno fa e mi ha completamente ammaliato aprendomi scenari futuri insperati. Ho fatto un corso a Milano molto costoso e mi sono buttata a capofitto…. Ho preso qualche sberla alquanto costosa…. ma sopratutto mi sono ritrovata da sola in un mondo governato dal lavoro pagato a ore e da investitori con grossi capitali alle spalle. In questi ultimi anni nonostante qualche piccolo investimento che sto ancora seguendo non ho fatto molto. Ho avuto vicino anche degli imprenditori apparentemente abili ma senza il punto di vista corretto (far lavorare i propri soldi).
    Per me è davvero una rivincita ed una seconda possibilità fantastica far parte di questo gruppo xchè vedo che avete creato quello che mancava x farcela: business pratico e una squadra che lavora nella stessa direzione con lo stesso punto di vista. Wow finalmente non mi sento più alien ;) !!!!!!

  3. Bragkor says : Rispondi

    Ciò che funziona per te non vuol dire che funziona per tutti.
    Seguendo Kiyosaky e Eker ho conosciuto lo scatafascio economico. Prima di loro le cose sono sempre andate discretamente. Non mi era difficile ottenere ciò che volevo. Poi, un anno prima del mio viaggio in Cina, viaggio che mi ha cambiato la vita, decisi che volevo di più, molto di più. Cosi conobbi questi due personaggi, comprai i loro libri, seguii i loro corsi, misi in pratica in maniera esemplare i loro insegnamenti. Alla fini grazie ai loro metodi ecco arrivare lo “Scatafascio Economico” Come me ne sono uscito? Adottando i metodi che ho sempre usato. I loro metodi funzionano, ma sono loro metodi. E’ quello che ha funzionato per loro, è la loro strada non la tua.

    • E’ vero ognuno deve trovare la propria strada. Ecco perché in Classe Quattro non imponiamo un percorso fisso ma diamo gli strumenti e i concetti per costruirsi un proprio percorso. Alla fine, se ci pensi, Kiyosaki in 20 libri ha espresso pochi concetti e uno dei più importanti è: accumula Attività e non Passività. Se ti concentri su questo senza stravolgere la tua vita è la cosa più saggia che tu possa fare. Il rischio è quello di fare il passo più lungo della gamba come lasciare il lavoro prima di essersi costruiti abbastanza flussi di entrata passivi, oppure fare investimenti troppo grossi per raggiungere prima un obiettivo troppo grande. Io posso portare il mio esempio positivo perché per me questi concetti stanno funzionando molto bene perché li sto applicando a modo mio. E sono molto contento. Se invece per te funziona quello che hai sempre fatto continua pure, se questo ti fa stare bene.

  4. Ottimo post.
    Sto consumando tantissimi libri, ultimamente. Ho letto tanti libri di Robert Kiyosaki , ma Padre ricco padre povero è uno dei miei libri preferiti.

    Per me uno dei concetti principali che ma introdotto questo libro sono:
    - cash flow ( di cui non sapevo niente )
    - mettersi in proprio invece di lavorare per gli altri

    Meno male che sto leggendo tutti questi libri su finanza personale, perchè voglio godermi anch’io la libertà finanziaria come Robert Kiyosaki.

    1. non ho mai ricevuto talmente tanta educazione finanziaria in unico libro;
    2. Per la prima volta qualcuno mi ha lanciato il concetto che la mia casa non è un attivo
    3. ho sempre pensato che il debito è cattivo , ma esiste anche il debito buono.
    4. ho capito che non servono i soldi per fare altri soldi.

    Continua cosi. Grazie.

  5. Karzar says : Rispondi

    Io non ho letto il libro e non credo lo leggerò . Sono un imprenditore sviluppa sopravvivenza senza avere grandissime restrizioni . I concetti espressi in questo libro valgono quando qualcuno o per meriti propri o meriti di altri (famiglia) ha a disposizione un capitale da investire “attivamente ” e che, sopratutto, non gli serva per vivere …

    • Davide Colonnello says : Rispondi

      Non è vero che parla di chi ha un capitale da investire. Se non l’hai letto ti consiglio di leggerlo, è illuminante.
      Ovviamente se hai voglia..

  6. Mary Poppins says : Rispondi

    Cos’è la religione del terzo millennio? “Illuminante” “mi ha cambiato la vita” e intanto nei commenti nessuno dice da dove è partito (classe sociale di appartenenza) e dove è arrivato. Si esprime solo la speranza di qualcosa che verrà. Come nei testi religiosi.
    A nessuno il dubbio che la povertà NON sia una colpa; che la ricchezza non sia il migliore degli orizzonti auspicabili; che se si va da soli nella vita, magari resti solo come un cane? Non lezioni di finanza suggerisco ma di etica, ce n’è tanto bisogno!

Lascia un Commento

TOP